domenica 22 giugno 2008

Domani è un altro giorno


Domani è un altro giorno
testo di Giorgio Calabrese - musica di Jerry Chesnut
Ornella Vanoni - 1971

È uno di quei giorni che ti prende la malinconia
che fino a sera non ti lascia più
la mia fede è troppo scossa ormai ma prego e penso fra di me
proviamo anche con Dio non si sa mai
e non c'è niente di più triste in giornate come queste
che ricordare la felicità sapendo già che è inutile ripetere:
chissà? Domani è un altro giorno si vedrà.

È uno di quei giorni in cui rivedo tutta la mia vita
bilancio che non ho quadrato mai
posso dire d'ogni cosa che ho fatto a modo mio
ma con che risultati non saprei
e non mi son servite a niente esperienze e delusioni
e se ho promesso non lo faccio più ho sempre detto in ultimo:
ho perso ancora ma domani è un altro giorno, si vedrà.

È uno di quei giorni che tu non hai conosciuto mai
beato te sì beato te
io di tutta un'esistenza spesa a dare,
dare, dare… non ho salvato niente, neanche te
ma nonostante tutto io non rinuncio a credere
che tu potresti ritornare qui e come tanto tempo fa ripeto:
chi lo sa? Domani è un altro giorno si vedrà
e oggi non m'importa della stagione morta
per cui rimpianti adesso non ho più
e come tanto tempo fa ripeto:
chi lo sa? Domani è un altro giorno si vedrà
domani è un altro giorno si vedrà.

Il brano è una cover di The wonders you perform, successo del 1971 della regina della musica country Tammy Wynette. Il testo originale è una preghiera molto toccante. Ma la Vanoni è la Vanoni!



Nell'ultimo album di Ornella, Più di me, è contenuta questa versione in duetto con Claudio Baglioni, molto molto bella:



0 commenti: