domenica 5 ottobre 2008

Alla mia età



Alla mia età
Tiziano Ferro - Alla mia età - 2008
A mi edad
sono un grande falso mentre fingo l’allegria
sei il gran diffidente mentre fingi simpatia
come un terremoto in un deserto che
che crolla tutto e io son morto e nessun se n'è accorto


lo sanno tutti che in caso di pericolo si salva solo chi sa volare bene
quindi se escludi gli aviatori, falchi, nuvole, gli arei, aquile, e angeli rimani te
ed io mi chiedo ora che farai
e nessuno ti verrà a salvare
complimenti per la vita da campione
insulti per l’errore di un rigore


e mi sento come chi sa piangere
ancora alla mia età
e ringrazio sempre chi sa piangere di notte alla mia età
e vita mia che mi hai dato tanto amore, gioia, dolore tutto
ma grazie a chi sa sempre perdonare sulla porta alla mia età

certo che facile non è mai stato,
osservavo la vita come la osserva un cieco
perché ciò che hai detto può far male
però ciò che hai scritto può ferire per morire


e mi sento come chi sa piangere
ancora alla mia età
e ringrazio sempre chi sa piangere di notte alla mia età
e vita mia che mi hai dato tanto amore, gioia, dolore tutto
ma grazie a chi sa sempre perdonare sulla porta alla mia età

e che la vita ti riservi ciò che serve spero
e piangerai per cose brutte e cose belle spero
senza rancore e che le tue paure siano pure
e l’allegria mancata poi diventi amore
anche se
e perché solamente il caos della retorica
confonde i gesti e le parole le modifica e
perché dio mi ha suggerito che ti ho perdonato
e ciò che dice lui l’ho ascoltato

di notte alla mia età
di notte alla mia età
Soy un gran falso mientras finjo la alegría
tú un gran desconfiado cuando finges simpatía
como un terremoto en un desierto que
que todo se derrumba y nadie ve que ya estoy muerto

Lo saben todos que en caso de peligro
se salva sólo quien sabe volar muy bien
pues excluyendo los pilotos, nubes, águilas, aviones
y a los ángeles quedas tú
y yo me pregunto dime qué harás
que ya nadie vendrá a salvarte
mil cumplidos por la vida de campeón
insultos por el rastro de un error

Y me siento como quien sabe llorar todavía a mi edad
y agradezco siempre a quien sabe llorar de noche a mi edad
y vida mía que me has dado tanto
dolor amor verdadero todo
mas gracias a quien sabe perdonar siempre la puerta a mi edad

Cierto que fácil nunca, nunca ha sido
observaba la vida como la observa un ciego
pues lo que se dice a veces daña
mas lo que se escribe puede herir hasta morir

Y me siento como quien sabe llorar todavía a mi edad
y agradezco siempre a quien sabe llorar de noche a mi edad
y vida mía que me has dado tanto
dolor amor verdadero todo
mas gracias a quien sabe perdonar siempre la puerta a mi edad

y que la vida te reserve lo que sirvas, pero
que llorarás por cosas feas y cosas bellas y que
que sin rencor tu miedo se convierta en tu cura
la alegría perdida regresa ahora y porque
porque solamente el caos de la retórica
confunde y modifica la coherencia histórica y
y porque Dios me ha sugerido que te he perdonado
y lo que dice él lo hago
de noche a mi edad
de noche a mi…


2 commenti:

Maria Rosa ha detto...

E' un brano bellissimo. Poetico come solo Tiziano Ferro sa essere.
Voce magnifica , come sempre.
Bravo Tiziano , sei un grande e anche stavolta ce lo hai dimostrato

Pierangelo ha detto...

Dopo il coming out, questo brano acquista profondità ancora più sofferte.