mercoledì 6 gennaio 2010

Il mio amico è ricchione

Scoprire per caso questa canzone è stata come una folgorazione. Nulla si sa dell'autore, a parte lo pseudonimo Enantino e che pare che sia di Noci. Ho provato a trascrivere il testo dialettale, ma chiedo scusa per le imprecisioni, dovute al fatto che sono di Bari città. Le traduzioni in italiano qui.


L'amiche mi è recchiòne
Enantino

Franz è lu nome de l'amiche mi recchiòne
l'agghie vist int all'erv a fe margele a nu uagnone
e m'aricordibb na volta so' sicure
co la scusa da stanghezz me mettì a mene 'n cule

Franz è belle fatto e tene u core grande
ma quand vede o mascolo se strazzano i mutande
e m'aricordibb na volta abbasce a mere
co la scusa de scì sotto me dette nu vese 'mmocc

L'amiche mi è recchiòne
e i ge voglie bbene
e pure che è recchiòne
ge voglio bbene assè
e a' mamm non giù disce ma'

Franz tene i scole che pare nu dottore
e quann parle e cante non pere nu ricchione
e m'aricordibb na volta na massere
da 'amiche mì na botta o due vuleve

Se chiameve Lonia na sera scì dà 'nnanz
accomenzò a sciquè cu passere de Franz
e u passere dormeve tranquille e citte citte
nemmanche ch'i cannune se vole descetà

L'amiche mi è recchiòne
e i ge voglie bbene
e pure che è recchiòne
ge voglio bbene assè
e a' mamm non giù disce ma'

Venne int'a stadd l'amiche mì chiangenn
e me portò a scimment e u frete d'a minenne
nu belle giro a Spagna na botta forte rete
i me freche a Lonia e Franz freche u frete

L'amiche mi è recchiòne
e i ge voglie bbene
e pure che è recchiòne
ge voglio bbene assè
e a' mamm non giù disce

E Franz l'amiche mi è recchiòne
e i ge voglie bbene
ci auuant'i malalingue
l'accide co sti mmene
e a' mamm non giù disce ma'

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Franze è lu nome de l’amike mì reckjone
L’égghje viste jind’a l’ére a fé margéle a nu wagnone,
e m’arecurdibbe, na volte so’ secure,
k’a scuse d’a stanghézze, me menì ‘a méne en gule.
Franze è bélle fatte e téne u core granne,
ma quanne véde u maskele, se strazzene i mutande,
e m’arecurdibbe, na volt’abbasshe a mére
k’a scuse de shì sotte, me détte u wése e’mmocke.
L’amike mì è reckjone e ji nge vogghje béne
e pure k’è reckjone, nge vogghje béne assé
e â mamme nan’ge u dishe mé.
Franze téne i scole, ca pére nu dottore
e quanne parle e cande, na’ pére nu reckjone,
e m’arecurdibbe na volte na massére,
da l’amike mì na botte o do vuléve.
Se kjaméve Lonje, na sére shì dé nanze,
e accumenzì a shuqué, k’u passere de Franze
E u passere durméve, tranguille e citte citte,
némmanghe k’i cannune se vole resheté.
L’amike mì è reckjone e ji nge vogghje béne
e pure k’è reckjone, nge vogghje béne assé
e â mamme nan’ge u dishe mé.
Vénne jind’a stadde, l’amike mì kjangénne,
e me purtì ‘a shumménde e u fréte d’a menénne.
Nu bélle gire a Spagne, na botte forte réte
ji me fréke a Lonje e Franze fréke u fréte.
L’amike mì è reckjone e ji nge vogghje béne
e pure k’è reckjone, nge vogghje béne assé
e â mamme nan’ge u dishe…
e Franze, l’amike mì è reckjone e ji nge vogghje béne
ce awande i malalingwe, l’accide ke sti méne
e â mamme nan’ge u dishe mé.

Anonimo ha detto...

Franz è il nome del mio amico omosessuale
l’ho visto nell’aia, a masturbare un ragazzo
e mi ricordai, una volta son sicuro
con la scusa della stanchezza, mi mise la mano sul sedere.
Franz è un bel ragazzo ed ha il cuore grande
ma quando vede il maschio, si strappano le mutande
e mi ricordai, una volta giù a mare
con la scusa di andar sotto, mi dette un bacio in bocca
Il mio amico è omosessuale e io gli voglio bene
e anche se è omosessuale, gli voglio tanto bene.
e alla mamma non glielo dice mai.
Franz ha studiato, da sembrar quasi un dottore
e quando parla e canta non sembra un omosessuale
e mi ricordai, una volta una contadina
dal mio amico una botta o due voleva.
Si chiamava Lonia, una sera andò lì avanti
E cominciò a giocare col passero di Franz
e il passero dormiva tranquillo e zitto zitto
nemmeno coi cannoni si vuole risvegliar.
Il mio amico è omosessuale e io gli voglio bene
e anche se è omosessuale, gli voglio tanto bene
e alla mamma non glielo dice mai
Venne nella stalla, il mio amico piangendo
e mi portò la cavalla e il fratello della fanciulla
Un bel giro a Spagna, una botta forte dietro
Io mi frego Lonia e Franz frega il fratello
Il mio amico è omosessuale e io gli voglio bene
e anche se è omosessuale, gli voglio tanto bene
e alla mamma non glielo diceee
e Franz, il mio amico è omosessuale e io gli voglio bene
se acchiappo i maldicenti, gli uccido con ste mani,
e alla mamma non glielo dice mai.

Forse dice" e la mamma non glielo dice mai", nel dialetto nocese è sensibile la differenza tra "alla" e "la", cioé " â " ed " 'a "