lunedì 7 settembre 2009

La sua figura



La sua figura  Giuni Russo - La sposa - La sua figura
(Giuni Russo - Maria Antonietta Sisini)
Giuni Russo - Se fossi più simpatica sarei meno antipatica - 1994


L’estate appassisce silenziosa
foglie dorate gocciolano giù
apro le braccia al suo declinare stanco
e lascia la tua luce in me

Stelle cadenti incrociano i pensieri
i desideri scivolano giù
mettimi come segno sul tuo cuore
ho bisogno di te

Sai che la sofferenza d’amore non si cura
se non con la presenza della sua figura

Baciami con la bocca dell’amore
raccoglimi dalla terra come un fiore
Come un bambino stanco ora voglio riposare
e lascio la mia vita a te

Tu mi conosci non puoi dubitare
fra mille affanni non sono andata via
rimani qui al mio fianco sfiorandomi la mano
e lascio la mia vita a te

Sai che la sofferenza d’amore non si cura
se non con la presenza della sua figura

Musica silenziosa è l’aurora
solitudine che ristora e che innamora
Come un bambino stanco ora voglio riposare
e lascio la mia vita a te

Mi manca la presenza della sua figura

Dopo aver ascoltato questa interpretazione sarete d'accordo che di Giuni Russo non ci si può dimenticare. Il testo del brano è tratto dal Cantico spirituale di San Giovanni della Croce.

0 commenti: