domenica 21 settembre 2008

Me sento tutta verginità

Ieri sera la cosa migliore che davano in TV era in primissima serata su Rai 3 una replica di Ritratti dedicata a Gabriella Ferri. Preziosissima l'intervista alla sua amica Luisa De Santis e un po' stringevano il cuore alcune battute di Gabriella dalle quali traspariva chiarissimo il dramma della depressione.

Il pezzo forte è stato questo:



Il valzer della toppa
Testo di Pier Paolo Pasolini - Musica di Piero Umiliani
Gabriella Ferri - Sempre - 1973

Me so' fatta un quartino
m'ha dato a la testa
ammazza che toppa
a Nina, a Roscetta, a Modesta,
lassateme qua!

An vedi le foje!
An vedi la luna!
An vedi le case!
E chi l'ha mai viste co' st'occhi?
Me viè da cantà

Lassame perde, va da n'altra
stasera, a cocco, niente da fa!
E poi so' vecchia, ciò trent'anni
e er mondo ancora l'ho da guardà!

Mamma mia che luci
che vedo qua attorno
Le vie de Testaccio
me pareno come de giorno
de n'arta città!

An vedi le porte!
An vedi li bar!
An vedi la gente!
an vedi le fronne che st'aria
se fa sfarfallà!

Va via moretto, fa la bella
stasera godo la libertà,
spara er Guzzetto e torna a casa
che mamma tua se sta a aspettà!

Me sò presa la toppa
e mò so' felice!
Me possi cecamme
me sento tornata a esse un fiore
de verginità!

Verginità! Verginità!
Me sento tutta verginità!
Che sarà!
Che sarà!
Che sarà!

Di questo capolavoro esiste una precedente interpretazione di Laura Betti, che potete "vedere" qui ed ascoltare qui.

0 commenti: