martedì 15 luglio 2008

Fatti furbo



Fatti Furbo
(G. Bigazzi - M. Falagiani - G. Dati)
Marco Masini - Il cielo della vergine - 1995

Bambino che sorridi e ti sorrido anch'io,
fra queste mille strade della vita
fatti furbo e scegli la salita,
che forse è quella più vicina a Dio.
Scrivile sull'acqua le tue poesie,
parla con gli animali e con i fiori
e ruba al cielo tutti i suoi colori
ed arrossisci dopo le bugie.
Fatti furbo,
affacciati prudente come un filo d'erba
e ascolta il vento cosa ti dirà,
sicuro nella tua fragilità, ingenuamente.
Fatti furbo,
dai sempre tutto a chi non ti può dare niente
e fai del cuore il tuo salvadanaio,
se ti sfiora un soffio d'infelicità,
fatti furbo
e prendi questa vita come va!
Quando avrai paura dell'oscurità
prendi la luna e legala al cuscino,
cresci ma resta sempre un po' bambino
e il mondo tuo giocattolo sarà!
Fatti furbo e sogna l'impossibile,
cerca un amore piccolo e gigante,
l'amore quello più forte della morte
e quando passerà vicino a te
fatti furbo,
non fare come me che ho preso un frutto acerbo,
gli ho dato un morso e l'ho buttato via
e adesso ne ho un'enorme nostalgia. Diventa grande
e guarda gli occhi
di una ragazza che non apre mai la bocca
e tiene tutto dentro come te
e, se un giorno verrà il giorno dell'addio,
fatti furbo
e non lasciarla come ho fatto io…
Fatti furbo
e non lasciarla come ho fatto io!


0 commenti: