domenica 9 marzo 2008

Di farti muto ma non per sempre

Dato che stamattina mi hanno fregato la bicicletta…



La Maledizione di Alex Drastico
(monologo di Antonio Albanese)


Avevo l'altra mia passione, il mio motorino Rollerball. Sono abbastanza inkazzato, non c'è più, me l'hanno fregato. Mi ricordo era una bella giornata. Volevo festeggiare. Mi sveglio come tutti i pomeriggi tranquillo. Mangio, esco, scendo le scale, arrivo sotto: Niente, non c'è niente! Dove di solito c'è posteggiato il mio motorino: il Nulla, Vuoto, Deserto.
Ho pensato: "Ma chi? ma come? ma chi cazzo!"
M'hanno fregato il mio motorino!!! Ora listen to me:

Se non avessi la certezza di essere continuamente e regolarmente schivato dalla fortuna giuro il Signore che spererei che tra di voi ci fosse il ladro, così che possa sentire di persona quanto ho da dirgli: «Cornuto! Sappi che quello è il mio motorino. Tu puoi nasconderlo, puoi riverniciarlo, puoi raschiare il telaio, puoi venderlo e tenerlo, puoi truccarlo, puoi lavarlo, puoi farci ciò che vuoi, ma resta sempre il mio motorino e a ricordartelo saranno le mie maledizioni. Le maledizioni che si attaccheranno al telaio del mio motorino, sul manubrio e sotto la sella, nel fanale anteriore e in quello posteriore cosicché si spenga in una notte tutta buia mentre incroci un grosso Tir guidato da un camionista ubriaco, morto di sonno e per di più inglese e che per questo tiene la sinistra. Nei freni che ti si staccheranno all'improvviso, quando ti accorgerai che la macchina davanti a te ha inchiodato e una volta compresso e schiacciato nel suo bagagliaio ti sorgerà il tremendo dubbio che qualcuno ti abbia maledetto, maledetto sono io che ti maledico te e tutta la specie di ladruncoli viscidi e infami. Le maledizioni si attaccheranno al sellino che salterà via mentre stai salendo al volo e un ferro nel culo ti insegnerà a non mettere più il naso tra i cazzi miei. Si attaccheranno alle ruote che scoppieranno quando stai andando a forte velocità su uno stretto ponticello all'altezza di trecento metri, dove non ci sono muretti ai lati, non ci sono guardrail e a mezz'aria prima di sfracellarti al suolo rimpiangerai amaramente di aver fregato il motorino ad Alex Drastico. In più prego madre natura di infradiciarti di emorroidi, di farti sputare sangue alla mattina appena alzato, di spappolarti gradualmente il fegato, di farti dono di un verme solitario che ti riempia la pancia, di darti emicranie continue e nausea dirompente, due carie per ogni dente, un raffreddore perpetuo, una ciste gigante proprio in punta al naso, di farti sordo, muto ma non per sempre: che la voce ti venga sporadicamente e per pochi secondi, nei quali tu spari cazzate immani. Ti accechi un occhio e ti renda daltonico l'altro, ti doti di un olfatto dove ovunque tu percepisca solo odore di merda, faccia sì che le tue ascelle si impregnino di puzzo di aringhe affumicate, i piedi di gorgonzola e l'alito di totani, che ti doti di una gobba e se già ce l'hai che in questo caso te l'accentui, tanto che l'unica cosa che tu riesca a veder siano i tuoi coglioni, ti faccia cadere tutti i capelli e se già sei calvo ti riempia il cranio di squame. La gamba destra ti si cancrenizzi e quella sinistra ti diventi zoppa. Le gambe ti si atrofizzino e l'impotenza ti invada l'uccello; che uno stormo di piccioni incazzati ti scambi per l'assessore all'ecologia riempiendoti integralmente di scacazzate cosicché tu debba scappare con il mio motorino però ingolfato di merda. E infine, dulcis in fundo, un bell'ictus cerebrale con paresi totale si aggiunga a compimento di quello che voglio che sia il tuo bel regalo di quest'anno».
«Buon Anno, Cornuto!»



1 commenti:

suburbia ha detto...

Forse sono la persono piu' fortunata del mondo... ma io l'ho ritrovata.
Incrocio le dita anche per te
buon inizio settimana (suona in po' ipocrita ma tant'e' :-)
ciao